Dai più sapore alle tue grigliate di carne
Marinatura per grigliata di carne con Aceto Balsamico di Modena :

Olio extravergine 200 ml, vino rosso, 120ml (perfetta per carni rosse), 4 cucchiai di Aceto Balsamico, 2 spicchi di aglio schiacciati, 3 cucchiaini di timo, . Unire tutto in un contenitore e mescolare bene, quindi immergere la carne, lasciare a marinare la carne in frigorifero per circa 1 ora ( anche in base alla carne che avete scelto)
Non dimenticare mai:
Marinare nel vino o nella birra la carne riduce le sostanze cancerogene che si sprigionano durante la grigliatura.
La marinatura deve sempre avvenire in frigorifero e il recipiente deve essere coperto.

Non spennellate con la marinatura residua perché potrebbero essere presenti cariche batteriche
Non marinare carne congelata. Assicuratevi che sia scongelata completamente
La cottura di carni alla griglia o allo spiedo è una delle basi della nostra cucina. E’ uno dei metodi di cottura più ‘naturali’. Le nostre grigliate saranno particolarmente apprezzate se avremo utilizzato una buona marinatura. La tecnica della marinatura nasce nel nostro Paese nel Rinascimento (anche se pare che in Cina venisse utilizzata già 2000 anni fa). All’epoca, lo scopo della marinatura era essenzialmente quello di evitare che la carne si deteriorasse. Oggi è la tecnica più conosciuta ed utilizzata per pretrattare le carni al fine di insaporirle e renderle più tenere.
Innanzi tutto eliminiamo dalla carne il grasso in eccesso (meglio carne non troppo grassa ). Teniamo presente che la marinatura è un trattamento superficiale, quindi avremo risultati ottimali se la carne ha uno spessore il più possibile uniforme. Viene assorbita dalla carne lentamente quindi, se abbiamo una pezzatura grossa, ci vuole davvero molto tempo prima che la marinata riesca ad impregnarla tutta e si corre il rischio che la parte più superficiale risulti alla fine di sapore un po’ troppo aspro. I tagli di carne più adatti alla marinatura sono quelli poco grassi,  come lo scamone, la fesa, le bistecche di controfiletto ma anche selvaggina, pollame, costine di maiale.
Come utilizzare la marinata

Prendete un contenitore grande a sufficienza da contenere la marinata e la carne. Utilizzate contenitori di ceramica, vetro o porcellana. E’ meglio evitare i contenitori metallici. Versate la marinata, miscelando bene gli ingredienti, quindi immergetevi la carne. La carne va riposta in frigorifero (da 2 a 8°c). Il tempo di marinatura varia a seconda del tipo di carne, della pezzatura e della temperatura (più è bassa la temperatura del frigorifero più il procedimento è lento). Trenta minuti di marinatura sono sufficienti per tagli di carne sottili, da una a quattro ore per pezzature grosse. Ricordatevi però che è sempre preferibile una marinatura breve a una troppo lunga. Essendo un composto acido, una immersione troppo lunga potrebbe far rilasciare liquidi alla carne che quindi tornerebbe ad indurirsi. Prima di portare la carne in cottura fatela riposare qualche minuto a temperatura ambiente, avendo cura di rimuovere tutta la marinatura.